“WELFARE DI FAMIGLIA: PROMOTORI DI SALUTE PER LA COMUNITA’. V Edizione"

Dalla sostenibilità delle istituzioni del welfare pubblico alla sostenibilità sociale

Grazie alle sinergie costruite con i partner e all’esperienza maturata nelle precedenti edizioni del progetto ci è stato possibile avere un’idea chiara dei bisogni dei territori del Comune di Cervignano del Friuli e del Servizio Sociale dei Comuni del Torre. In particolare il lavoro svolto sino ad ora ha evidenziato una sempre crescente fragilità delle famiglie nel prendersi carico dei fabbisogni primari ma soprattutto una limitazione delle risorse del welfare pubblico nel soddisfare le necessità di un numero in costante aumento di famiglie. Nell’ambito di un contesto socio-economico affannato, aumentano di pari passo i disagi e le fatiche dei cittadini con il risultato che i servizi pubblici subiscono una forte pressione provocando un limite nella fornitura di quelli che sono da sempre i servizi più costanti e presenti nella popolazione, che garantivano continuità assistenziale alle fasce più bisognose. 

Per tali ragioni lo sviluppo di un modello di welfare familiare innovativo, portato avanti anche in questa quinta edizione del progetto, si e’ dimostrato fondamentale per i partner, consentendo una focalizzazione più centrata sui bisogni della popolazione ma anche l’assunzione di un ruolo sempre più attivo nella promozione e nella regolazione di ulteriori servizi di welfare basati sull’iniziativa e sugli investimenti degli attori privati, compresi i singoli cittadini. Un ascolto, un’attenzione e una cura della comunità che partono da un pensiero di unicità dell’individuo integrato nella sua dimensione sociale all’interno del contesto in cui vive e con il quale è in costante interazione.

Per queste ragioni ancora una volta il nostro progetto si è rivolto a minori e anziani che rimangono tuttora il target più fragile della popolazione.

La Cooperativa ATHENA si sta occupando in particolare dell’implementazione di tre interventi di sviluppo di welfare familiare innovativo;

  1. nel territorio del Comune di Tarcento (occupandosi della fragilità dei minori e delle famiglie in carico al SSC del Comune) supportando le istituzioni nei servizi offerti alle famiglie e nella presa in carico dei minori che afferiscono al servizio sociale, soprattutto per quanto riguarda i minori in ipotesi di affido familiare, consolidando un modello di presa in carico dei minori, delle famiglie affidatarie e delle famiglie di origine, mettendo in pratica la metodologia dell’affido partecipato, avvicinando le famiglie e singoli cittadini all’Affido Familiare e costituire un bacino di possibili famiglie disposte ad utilizzare lo strumento dell’affido in concerto con i servizi sociali. Avviando inoltre, una sperimentazione di copresenza dell’assistente sociale affiancato da uno psicologo nei percorsi di approfondimento delle vulnerabilità di alcuni nuclei familiari.
  2. Nel territorio del Comune di Cervignano del Friuli (occupandosi di anziani e caregivers) per sensibilizzare la comunità sul tema delle demenze degenerative, attivando tre sportelli di ascolto sul territorio per supportare le famiglie nelle difficoltà di cura a domicilio di anziani con problematiche di gestione e per sensibilizzare la comunità ad azioni preventive promuovendo un invecchiamento attivo, fornendo, mediante video informativi, un supporto pratico ai caregivers nella gestione domestica dell’anziano.
  3. Nel territorio del Comune di Udine, sostenendo le famiglie mediante la divulgazione di video informativi fornendo un supporto pratico nella gestione domestica dell’anziano promuovendo un senso di autoefficacia personale nei caregivers.